Vinitaly 2019 - Verona 10 Aprile

Dott Riccardo Ricci Curbastro

  Apertura 70° Anno Accademico

  Prolusione del Dott. Riccardo Ricci Curbastro

  Confederazione Nazionale dei Consorzi Volontari
  per la tutela delle Denominazioni dei Vini Italiani

  Presentazione

   

31 Maggio 2019 - Consegna Diplomi

 

     In occasione della prossima Tornata Accademica che si svolgerà a Trento , presso la CAVIT, il 31 maggio p.v. saranno consegnati i diplomi ai nuovi Soci Corrispondenti.

   

TRENTO - 31 Maggio 2019  - 79° TORNATA - Programma  

9:30 Caffè di benvenuto

10.00 Saluti di apertura
 - Enrico Zanoni - Direttore generale Cavit
 - Sergio Menapace - Direttore generale Fondazione Edmund Mach
 - Apertura dei lavori: Antonio Calò - Presidente Accademia Italiana della Vite e del Vino

10:20 Il Traminer aromatico nel contesto nazionale e regionale - Andrea Faustini - Cavit

10:45 Le mutazioni genetiche che hanno originato il Traminer aromatico  - Maria Stella Grando - C3A,
          Università degli studi di Trento, Fondazione E. Mach

11:10 La selezione clonale del Traminer aromatico: storia e nuove acquisizioni
 - Umberto Malossini, Giorgio Nicolini, Tomás Román, Mario Malacarne, Roberto Larcher -
Fondazione E. Mach

11:35 Aggiornamenti chimico-compositivi ed enologici sul Traminer aromatico
 - Tomás Román, Loris Tonidandel, Roberto Larcher, Giorgio Nicolini - Fondazione E. Mach

12:00 Discussione

12.15 Approvazione bilancio consuntivo 2018 AIVV
 - Consegna diplomi ai nuovi corrispondenti dell'Accademia Italiana della Vite e del Vino

13:00 Pranzo a buffet con selezione di Traminer trentini - Segue visita guidata alle cantine Cavit

---------------------------------

Sala rossa  - Cavit s.c.
Via del Ponte 31 - Ravina, Trento
Moderatore: Michele Pontalti


Accademia Italiana della Vite e del Vino

Struttura dell'Istituzione

 

                            Presidente:    Calò  Antonio

                   Vice-Presidenti:  - Di Lorenzo Rosario

                                               - Viviani Carlo

 

Consiglio:   costituito da quindici consiglieri eletti dal Corpo accademico

 

Consigliere Amministratore:  Gaeta Davide

                            Segretario:  Giorgessi Ferruccio

                          Cancelliere:  Di Gaetano Rosario

                       Bibliotecario:  Silvestroni Oriana

 

             Revisori dei Conti: - Bandinelli Roberto

                                            - Niccolai Luisa

                                            - Zanchetta Narciso

                                            - Iacopo Melendez  (Rappresentante Ministero Beni Culturali)

 

Corpo Accademico:  costituito dagli Accademici Emeriti e dagli Accademici Ordinari

 

Corrispondenti dell'Accademia

"Innovazione varietale in viticoltura:

prospettive di impiego dei vitigni di ultima generazione resistenti alle malattie" 

In un contesto in cui la sensibilità verso i temi dell’ambiente e della salute è sempre maggiore, anche il settore della viticoltura è chiamato ad una maggiore sostenibilità delle produzioni ed alla riduzione dell’impiego di fitofarmaci. Se da una parte ciò sta già avvenendo a seguito dell’introduzione delle tecnologie informatiche e dei modelli previsionali nella gestione della difesa, in prospettiva un ulteriore importante contributo potrà venire dalle biotecnologie e dal miglioramento genetico.


Prospettive di impiego dei vitigni di ultima generazione resistenti alle malattie

In un contesto in cui la sensibilità verso i temi dell’ambiente e della salute è sempre maggiore, anche il settore della viticoltura è chiamato ad una maggiore sostenibilità delle produzioni ed alla riduzione dell’impiego di fitofarmaci. Se da una parte ciò sta già avvenendo a seguito dell’introduzione delle tecnologie informatiche e dei modelli previsionali nella gestione della difesa, in prospettiva un ulteriore importante contributo potrà venire dalle biotecnologie e dal miglioramento genetico.

Già in passato la tecnica dell’incrocio per ottenere nuove varietà resistenti alle malattie è stata utilizzata, ma con scarsi risultati sul piano del potenziale enologico. Da poco più di un decennio abbiamo però a disposizione la sequenza del genoma della vite e si stanno aprendo nuove prospettive per l’ottenimento di genotipi che uniscano una scarsa sensibilità alle malattie ad un elevato standard qualitativo.

Negli ultimi anni diversi Centri di ricerca hanno quindi ripreso ad eseguire nuovi incroci mirati ed interessanti accessioni stanno già arrivando a disposizione dei viticoltori. Si tratta di varietà con buona resistenza multigenica a oidio e peronospora e le cui caratteristiche enologiche risultano paragonabili a quelle del genitore “nobile”, almeno nelle regioni in cui sono già diffuse.

E’ da evidenziare che attualmente la legislazione europea permette il miglioramento genetico della vite esclusivamente tramite incrocio, e per quanto riguarda la normativa italiana, ad esempio, le recenti varietà resistenti a oidio e peronospora ottenute dall’Università di Udine attraverso le tecniche tradizionali di incrocio e selezione sono state iscritte al Registro nazionale con la limitazione di impiego nella sola produzione di vini da tavola o IGT, in quanto ottenute da un genitore in parte diverso dalla Vitis vinifera, portatore dei caratteri di resistenza.

Per quanto riguarda la ricerca, accanto ai programmi mirati di incrocio tradizionale, si inseriscono in prospettiva le più recenti opportunità offerte dalle moderne biotecnologie, che permetteranno di produrre cloni dei più noti vitigni con l’inserimento di geni specifici di resistenza tramite la cis-genesi e l’editing genetico. Per rendere disponibili i nuovi vitigni migliorati sarà però necessario un adeguamento legislativo che ne permetta la coltivazione, chiarendo la distinzione tra cisgenesi e transgenesi ed evitando ogni possibile confusione tra le potenzialità delle diverse tecnologie.

Resta comunque aperto il dibattito sull’opportunità di un’apertura incondizionata alle nuove varietà nei comprensori delle principali Denominazioni d’origine, che hanno alla loro base territorio e tradizione storica. Secondo i detrattori con la diffusione dei nuovi vitigni si rischierebbe di favorire un’enologia "anonima" e appiattita, a vantaggio di vini e Paesi senza tradizione.

Degli aspetti legati all’innovazione ed all’impiego di nuove varietà resistenti ai patogeni fungini si è parlato in un Forum nazionale tenutosi a Firenze lo scorso 23 gennaio, organizzato dalla Confederazione Italiana Agricoltori in collaborazione con l’Accademia dei Georgofili e moderato da Antonio Calò, Georgofilo e presidente dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino.

In apertura Riccardo Velasco del CREA ha evidenziato il fermento innovativo che si è manifestato nel settore della ricerca sul genoma delle specie vegetali, con il perfezionamento di tecniche di intervento sempre più raffinate e rispettose della natura stessa delle specie vegetali.

In particolare risultano interessanti ed applicabili le nuove opportunità derivanti dalle tecnologie di genome editing, che permetteranno di produrre non tanto nuove varietà, quanto nuovi cloni di vitigni internazionali e autoctoni, modificati solo nei geni di resistenza o sensibilità a malattie o avversità abiotiche, senza ricorrere al miglioramento transgenico caratteristico degli OGM.

Michele Morgante, dell'Università di Udine, ha ribadito che nella ricerca l'Italia è all'avanguardia, è ben posizionata nel trasferimento tecnologico ma “soffre” per norme che non consentono un'adozione tempestiva delle innovazioni, in quanto risentono di “pregiudizi e ideologie che non si sono adeguate alla mutata realtà”.

La sentenza della Corte di giustizia europea del luglio 2018 non ha dato una mano. I giudici, come noto, hanno sostenuto che sostituire una base del Dna di una pianta con un’altra, come già avviene tramite fecondazione o per mutazione spontanea e indotta, va considerato alla pari di introdurre un gene estraneo. Equiparando, di fatto, questa prassi a quelle applicate per l'ottenimento degli Ogm, senza considerare che nei prodotti cisgenici si opera solo sui geni interni, senza materiale genetico esterno al DNA della specie, che rimane immutato.

Per Antonio Rossi, dell’Unione Italiana Vini, gli scenari futuri richiedono un'apertura verso le nuove tecniche che potranno consentire di ottenere piante di vite in grado di produrre vini di qualità, nonostante i cambiamenti climatici, e di resistere alle patologie. I legislatori europei e nazionali dovranno quindi fare la sua parte per accompagnare le innovazioni scientifiche in modo “laico e senza pregiudizi”.

Nelle conclusioni il presidente nazionale CIA, Dino Scanavino, ribadendo la necessità di sviluppare nuove relazioni tra pubblico e privato e interazioni più strette tra mondo dell’impresa e mondo della ricerca, ha evidenziato come l’innovazione non sia solo nuova conoscenza, ma anche trasferimento e diffusione di tecniche elaborate in questi anni, finora non collaudate in campo e non implementate nei processi aziendali.

 

Paolo Storchi

 

 

Revisori dei Conti

 

                   Nome                                Funzione                         Note                 
BANDINELLI  ROBERTO            Presidente           Accademico
NICCOLAI  LUISA                  R.C.                   ''
ZANCHETTA  NARCISO                    ''                   ''
IVONE  FIORELLA                    ''

 

Rappresentante esterno 

Ministero Beni Culturali

   

Agenda 2019

22 Febbraio - Consiglio Accademico - Conegliano (TV)
10 Aprile - Apertura Anno Accademico - Verona (VR)
30 Maggio - Consiglio Accademico - Conegliano (TV)
31 Maggio - 79° Tornata dell'Accademia - Trento (TN)

 

 

   

Comunicazioni

ACCADEMIA ITALIANA VITE E VINO  E

ATTIVITA' ULTIMO QUADRIENNIO

Il Presidente


DNA DELLA VITE

Il vino veramente biologico passa per la genetica

 

   

Link Utili

IST. DI GENOMICA APPLIC. UDINE
     www.appliedgenomics.org

   

Bollettini di Legislazione Vitivinicola

             Consultazione

   

 

REPUBBLICA ITALIANA      
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA...   

       

L'Accademia Italiana della Vite e del Vino... istituita.... addì    30 luglio 1949.... è eretta in Ente Morale...
Il presente decreto, munito del sigillo di Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica Italiana.

E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Dato a Roma, addì 25 luglio 1952.
F.to Luigi Einaudi
C.to Segni

 

   

   IL PRESIDENTE 

 

  La nostra Accademia, come sempre, é impegnata in molte iniziative importanti per il suo futuro.

  Nell'ultimo quadriennio sono state svolte molte attività tra le quali la modifica dello statuto, resasi necessaria per rendere l'Istituzione più elastica e rispondente alle varie normative vigenti

 Una descrizione esaustiva è riportata in questo documento: Relazione Attività

 

   
© Accademia Italiana della Vite e del Vino

Informativa sui Cookies  ai sensi dell’art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Per una gestione migliore e più semplice questo sito fa uso dei cookie, piccole porzioni di dati che consentono di capire come gli utenti navighino e ne visualizzino le pagine. I cookie non registrano alcuna informazione personale sull'utente ed eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. 
Informativa sulla Privacy ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016  (GDPR)  -  Descrizione delle modalità di trattamento dei dati personali degli associati in questo sito internet.
      
Cliccare su [OK] per dare il proprio assenso o leggere l'informativa estesa..